Fazio (FRATELLI D'ITALIA):
POLITICA

Gli appelli inascoltati e il rischio possa chiudere un lungimirante esempio di integrazione sociale

Fazio (FRATELLI D'ITALIA): "Rom95...la città è con VOI! E il primo cittadino?!"

L’Art. 1 della Costituzione Italiana, recita: “l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”, principio fondamentale che sta alla base di una società che voglia dirsi civile.
Ma è proprio quando manca il lavoro o, ancor peggio, quando esso non viene salvaguardato, rischiando di farlo perdere a quei “fortunati” che lo hanno, che viene meno questo principio fondamentale del nostro ordinamento e lo Stato si macchia di una colpa dalla quale è difficile liberarsi.
Questa sensazione di colpevolezza si acuisce ancor di più quando non si tutela il lavoro di chi, venuto da lontano, cerca in Italia la possibilità di un futuro ed una vita migliore, che non può prescindere dalla possibilità di un lavoro che dia stabilità e non induca a delinquere, al fine di un’integrazione totale con la comunità locale.
Fa molto strano, quindi, notare come il PD, che soprattutto in questo periodo di campagna elettorale si mostri così aperto e disponibile all’integrazione di persone venute da altri paesi, con proposte e promesse di lavoro che, pensate appunto dalle illuminate menti di questo partito, sappiamo bene essere solo promesse da marinaio.
La conferma di quanto appena esposto si palesa in modo tangibile e cogente anche nella nostra micro realtà. Basti guardare alle spiacevoli vicende di questi giorni, che vedono tristemente protagonista la Cooperativa Rom95.
E’ sotto gli occhi di tutta la comunità cittadina, il chiaro esempio di vera integrazione, che la Cooperativa Rom95 attua da più di vent’anni sul nostro territorio.
Contro tutti i pregiudizi che li vedono sempre additati come i tipici svaligiatori seriali di case o ruberie varie, attraverso l’impegno profuso dal Dott. D. Modafferi e dal suo staff, numerosi Rom hanno trovato il modo di sentirsi integrati in una cooperativa che offre alla comunità cittadina un servizio essenziale e del quale sarebbe impossibile fare a meno: raccolta materiali ingombranti con servizio “porta a porta”, gestione dell’isola ecologica, call center per richieste di smaltimento e gestione rifiuti e altro ancora. Ciò ha determinato un indotto di lavoro onesto per questi operai e le loro famiglie, permettendogli di vivere onestamente e creare una micro economia.
Va da sé che in una città “normale”, il primo cittadino avrebbe fatto in modo di attivarsi per tutelare il più possibile tale risorsa, utile in termini d’integrazione e di sicurezza cittadina; ma da un po’ di tempo a questa parte, Reggio Calabria tutto è fuorché una città “normale”.
Il nostro Sindaco dormiente ha ben pensato di fare orecchie da mercante e non ascoltare le numerose richieste a lui rivolte dai responsabili della suddetta Cooperativa che, attraverso strumenti adeguati (vedi gli innumerevoli documenti protocollati presso il Comune di Reggio Calabria attestanti la richiesta di un contatto con l’ufficio del Sindaco), sollecitavano Falcomatà a prendere i provvedimenti necessari ad evitare che la situazione della cooperativa degenerasse fino ad arrivare a questa gravissima condizione.
Ad oggi, quelle grida di aiuto inascoltate hanno condotto sapientemente, o addirittura scientemente, alla possibile chiusura della Rom95, ormai spogliata di ogni specifico incarico, dunque “svuotata” del suo significato sociale.
La cosa ha del comico, se fosse finzione, ma purtroppo è la cruda realtà.
In data 3 gennaio 2018, durante l’incontro di sensibilizzazione su iniziativa di varie comunità reggine, nei confronti delle varie problematiche inerenti la cooperativa Rom95 (volto a sollecitare e ribadire la necessità di un’ampia discussione in merito alla decisione di AVR di assumere in modo diretto, a partire dal 2 gennaio 2018, la gestione della raccolta rifiuti ingombranti e, contestualmente, proponendo l’assorbimento di parte del personale della cooperativa), il Sindaco Falcomatà ha ben pensato di fare una sorpresa, presentandosi a questa tavola rotonda, portando con sé numerosi altri valorosi Cavalieri: Giovanni Muraca, Lucia Nucera, Armando Neri, Riccardo Mauro e Demetrio Marino (ma purtroppo non siamo alla corte di Re Artù!!!).
Ciò sarebbe stato ammirabile e utile se non fosse che per mesi il primo cittadino ed il suo staff hanno ignorato le problematiche della cooperativa.
Ora, ai più apparirà normale che il sindaco non rimanga seduto nel suo “ufficietto” mentre in città si discute di politiche sociali e occupazione. Ma nella bella Reggio questo accade continuamente.
Non solo si sono presentati all’incontro “in formazione completa”, ma il primo cittadino ha persino lamentato di non essere stato invitato.
Forse da tempo non ha rapporti con il suo ufficio protocolli dove, ebbene ribadirlo per i più distratti, la Rom95 ha compiutamente protocollato richieste di incontri e dialogo con gli addetti ai lavori.
La presenza di Falcomatà ha irritato non poco i presenti che conoscono ogni passaggio di questa triste vicenda.
Difatti ha attirato su di sé le lamentele di chi gli faceva notare che la sua “apparizione” fosse alquanto tardiva; di quanto il suo essere sordo alle innumerevoli richieste d’incontro avvenute nel passato non potesse essere sanato dalla sua inutile presenza, che ha sapore solo di un mal riuscito “spot elettorale”, peraltro in un contesto totalmente inadeguato.
Quella della Rom95 è una situazione per la quale si poteva (e si doveva) “fare” prima che degenerasse. Invece, il comportamento indecente del primo cittadino, dettato da indifferenza e menefreghismo sulla questione de quo, ha dell’assurdo.
Il dott. D. Modafferi ha mostrato, attraverso delle slide, tutte le criticità che hanno coinvolto la cooperativa, le innumerevoli richieste d’incontro alle quali non è stato mai dato seguito.
Il Falcomatà, in evidente imbarazzo, ha inconsapevolmente mostrato ai presenti la sua condizione di inadeguatezza a svolgere il ruolo che gli è stato affidato.
Chi doveva essere chiamato ad essere il Sindaco di tutti e soprattutto dei più bisognosi, ha dimostrato ancora una volta di essere, molto probabilmente, un sindaco inadeguato.
I lavoratori della Rom95 si sono ritagliati un posto utile nella società reggina, svolgendo un lavoro onesto e dignitoso. L’atteggiamento di un sindaco disattento e a tratti distruttivo, della “SUA CITTA’”, sta mettendo in ginocchio anche una realtà totalmente positiva come quella della cooperativa fondata dal dott. D. Modafferi.
Credo che sia compito principale della politica quello di proporre nuove idee, iniziative utili al miglioramento di una città e della qualità della vita della sua popolazione. Cosa impossibile da chiedere al nostro sindaco, attuale rappresentante del PD.
Almeno abbia il buon senso di non distruggere ciò che di buono ancora vive e resiste nella nostra comunità e la Rom95 ne è un nobile esempio.
Antonino Carlo Fazio, Capo Dipartimento Provinciale Legalità e Sicurezza di Fratelli d’Italia.
07-01-2018 10:53

NOTIZIE CORRELATE


21-04-2018 - CRONACA

Trovati in casa fucile, pistola e munizioni: arrestati due fratelli

Trovati anche oggetti usati per i rituali di affiliazione alla 'ndrangheta
20-04-2018 - CULTURA

Reggio, "all day in the castle": il Castello Aragonese aperto il 23 e 25 aprile

Per San Giorgio e per la Festa della Liberazione
20-04-2018 - CRONACA

'Ndrangheta. Omicidio Congiusta, ergastolo annullato per Tommaso Costa

La Cassazione ha assolto senza rinvio la condanna all'ergastolo inflitta dalla Corte d'assise d'appello di Reggio Calabria
20-04-2018 - CRONACA

Reggio. Impressionante incidente nella zona sud: auto si ribalta su aiuola FOTO

Mezzo recuperato con una gru dei vigili del fuoco

ULTIME NEWS

SPORT

La Reggina batte l'Akragas e festeggia la salvezza. Ma quanti cori contro Maurizi...

REGGIO CALABRIA – Missione compiuta. Adesso c’è anche il conforto della matematica. La Reggina batte il già retrocesso Akragas per 2 a 0 e taglia così il ...
ATTUALITA'

Vivere il Cristianesimo nel 2018

È davvero possibile essere cristiani in una società che in gran parte ha perso i basilari principi e valori morali? Al di là della semplice definizioni di appartenenza, sono la realtà della vita e la quotidianità che risponde in maniera affermativa o meno ...
CRONACA

"Reale 6", scambio elettorale politico-mafioso: tutti assolti

“Assoluzione piena perché il fatto non costituisce reato” per quattro imputati finiti a processo nell’ambito dell’inchiesta della DDA reggina “Reale 6”. I giudici del Tribunale di Locri hanno ...
CRONACA

Polizia, intensificati i controlli per le festività di San Giorgio e del 25 aprile

REGGIO CALABRIA - “Per la sicurezza della città e della Provincia sono state intensificate tutte le misure di vigilanza e di controllo anche agli obiettivi c.d. sensibili. Per ...
AMBIENTE

Erosione costiera a Villa San Giovanni, ci sono i presupposti per chiedere lo stato di calamità naturale

VILLA SAN GIOVANNI – “La condizione di emergenza, che caratterizza in modo così grave il territorio comunale, costituisce una ...
CRONACA

Coltivava droga in casa, un arresto

MIRTO CROSIA (COSENZA). Aveva ricavato due vani nel sottotetto di casa. Ed era lì che coltivava marijuana. Un uomo di 49 anni per questo motivo è stato arrestato dai carabinieri a Mirto Crosia. Per lui l'accusa è di produzione e detenzione di sostanza ...
ATTUALITA'

Sanità, violazioni allarmanti. Siclari: "Scura, Oliverio e Lorenzin fermatevi"

REGGIO CALABRIA - Il Commissario Scura continua ad aggredire il Sistema Sanitario della nostra Regione con l’intento di distruggere anche gli ultimi presidi sanitari che ancora resistono e ...
CRONACA

'Ndrangheta, sequestro milionario di beni ad imprenditore ritenuto organico ai clan di Cittanova FOTO/VIDEO

Cittanova (Reggio Calabria). Il valore complessivo dei beni sottoposti a sequestro è stimato in circa 22 milioni di euro. La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, coordinata dalla Procura della Repubblica, ha eseguito un decreto di sequestro emesso dal locale Tribunale - Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti del detenuto GIOVINAZZO Girolamo, 45 anni, di Cittanova (RC), detto Jimmy, ritenuto organico alla cosca RASO-GULLACE-ALBANESE di Cittanova (RC), a cui risulta legato anche da vincoli di parentela, avendo sposato POLITI Francesca, nipote del defunto capo cosca RASO Girolamo. Il GIOVINAZZO, unitamente alla moglie e ad altri 40 sodali, nel luglio 2016, è stato colpito da un provvedimento restrittivo emesso dal G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria, poiché coinvolto nell’operazione “ALCHEMIA” della Procura Distrettuale Antimafia reggina, che ha interessato gli elementi affiliati alle cosche “RASO-GULLACE-ALBANESE” di Cittanova (RC) e “PARRELLO-GAGLIOSTRO” di Palmi (RC), per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, intestazione fittizia di beni e reati contro la Pubblica Amministrazione. Le indagini avevano consentito di evidenziare il grande interesse degli appartenenti alle citate consorterie della ‘ndrangheta verso diversi settori “strategici”, quali il movimento terra, l’edilizia, l’import-export di prodotti alimentari, la gestione di sale giochi e di piattaforme di scommesse on‑line, la lavorazione dei marmi, autotrasporti, smaltimento e trasporto di rifiuti speciali. In tale contesto criminale, il ruolo del GIOVINAZZO era quello di “portavoce” ed uomo di fiducia di RASO Girolamo, con il compito di mantenere i rapporti con i sodali (tra cui Carmelo GULLACE, posto in posizione apicale), con esponenti di cosche contigue e, contemporaneamente, con il mondo politico ed imprenditoriale, nonché con funzionari pubblici, allo scopo di ottenere commesse di lavori o appalti, contributi comunitari ed altre provvidenze. GIOVINAZZO, tuttora incensurato nonostante i numerosi procedimenti penali avviati nei suoi confronti, anche in altre vicende giudiziarie (emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, occultamento/distruzione di scritture contabili, falso, truffa aggravata, bancarotta fraudolenta, associazione a delinquere), era sostanzialmente il “volto pulito della cosca” e, per questo motivo, intestatario/titolare di numerose attività imprenditoriali, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione e di reati contro la P.A. (corruzione di funzionari pubblici). L’ordinanza restrittiva dell’operazione “ALCHEMIA” è stata confermata anche nei successivi gradi di giudizio cautelare e, in relazione ai fatti contestati, il GIOVINAZZO è stato rinviato a giudizio nel luglio 2017. Alla luce dei suddetti elementi, il Tribunale di Reggio Calabria - Sezione Misure di Prevenzione lo ha ritenuto portatore sia di pericolosità sociale qualificata, per la contiguità con un’organizzazione criminale di stampo mafioso, che di pericolosità generica, in ragione della sua “inclinazione” a delinquere, evidenziando, inoltre, come la crescita della sua attività imprenditoriale sia stata concretamente agevolata nell’avvio e, soprattutto, nell’espansione, dal ricorso sistematico a pratiche imprenditoriali illecite. In virtù di quanto sopra, il patrimonio a lui riconducibile è stato ritenuto il frutto o il reimpiego di proventi di attività illecita, stante anche la significativa sproporzione tra i redditi dichiarati e le effettive disponibilità a lui riconducibili, emerse dagli accertamenti svolti dalla DIA reggina. Con l’odierno provvedimento è stato, dunque, sottoposto a sequestro un consistente asset immobiliare e mobiliare, ricomprendente beni aziendali e personali, costituito da: 8 società, per l’intero capitale sociale e l’intero patrimonio aziendale (di cui 5 società di capitali, 2 società di persone ed una ditta individuale) con sede tra Cittanova (RC), Roma e Pomezia (RM), operanti nei settori turistico-alberghiero, ristorazione, agricolo (produzione di olio), lavorazione del legname e trasporto rifiuti. Tra di esse, anche la nota struttura alberghiera di lusso “Uliveto Principessa Park Hotel” di Cittanova (RC); 16 terreni ubicati a Cittanova (RC) per un’estensione complessiva di oltre 13 ettari e 2 capannoni ad uso industriale, per una superficie complessiva di circa 3.000 mq; disponibilità finanziarie e titoli comunitari ARCEA, riconducibili al GIOVINAZZO, alla moglie POLITI Francesca ed ai loro ...
CRONACA

Sequestro di persona e violenza sessuale aggravata, arrestato extracomunitario nel reggino FOTO

Personale della ...
CRONACA

Locri, la Finanza scopre e denuncia falsa invalida e i due figli dipendenti pubblici

Reggio Calabria. Nell’ambito dell’attività istituzionale in materia di spesa pubblica, i Finanzieri del Gruppo di Locri hanno accertato, al termine di ...
CRONACA

'Ndrangheta: tremano i clan di Rosarno, il figlio di Giuseppe Pesce detto "Pecora" vuota il sacco

Non si sa ancora quale dei due figli di Giuseppe Pesce detto “Pecora”, se Francesco o Antonino (nella foto), stia vuotando il sacco. Ma è sicuro ...
CRONACA

Villa San Giovanni, in manette un 22enne destinatario di un mandato di cattura

A seguito delle direttive ministeriali volte all’intensificazione dei servizi di vigilanza e controllo all’interno delle stazioni e sui convogli per garantire la sicurezza dei viaggiatori ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

E' TUTTO CINEMA
RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti
VIOLA REGGIO CALABRIA
Mobili Catalano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 19

Basket: Partita Viola Rc

Ore 21.15

Fuorigioco
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Agevolazioni per gli invalidi per pagamento TARI
  • Via Vallone Cilea abbandonata
  • L' Asp 5 gioca a scherzi
  • Indecoro cittadino
  • Segnaletica Marinella Spontone
  • Sindaco giovane, bello, aitante e ben vestito dal futuro politico brillante.
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
viola
idomotica
Basta vittime 106