Politiche 2018, Puccio (PD) ammette la sconfitta:
POLITICA

"La vittoria del movimento 5 stelle e la sconfitta del PD è netta e inequivocabile"

Politiche 2018, Puccio (PD) ammette la sconfitta: "si deve essere sempre rispettosi del popolo sovrano"

di Giovanni Puccio (Coordinatore PD Federazione Metropolitana Reggio Calabria). In democrazia si deve sempre essere rispettosi del popolo sovrano. Lo strumento elettorale ha consentito ai cittadini calabresi la scelta su chi dovrà governare l’Italia. Occorre, pertanto, ringraziare le elettrici e gli elettori, a prescindere dalla loro opinione, per la loro partecipazione al voto. Nello stesso tempo bisogna prendere atto del voto e fare le dovute valutazioni elaborandolo ai fini dell’iniziativa politica. In tale contesto il messaggio è forte, chiara l’indicazione della Calabria e dell’intero Mezzogiorno.
La vittoria del movimento 5 stelle e la sconfitta del PD è netta e inequivocabile. Il PD ha pagato il prezzo più pesante per la crisi economica e sociale che da troppo tempo sta devastando questa parte fondamentale del Paese. Né è falsa la meritoria azione intrapresa dai governi nazionali da Renzi a Gentiloni i cui risultati si avranno, in modo più significativo, nel corso dei prossimi anni. Il voto è un segnale preoccupante.
Guai se il PD indugiasse su una linea di autoassoluzione o di autoflagellazione, sulla direttrice della resa dei conti. Occorre recuperare la visione politica e strategica per cui il PD è nato e mettere in campo una soggettività smarrita, frantumata dentro divisioni, autoreferenzialità a detrimento del radicamento sociale. Il cambiamento promesso è venuto meno in un sistema politico ingessato e incapace di riformare se stesso così come ha dimostrato il referendum sulla riforma costituzionale. In Calabria il tema di un’azione più incisiva ed efficace si ripropone drammaticamente.
Nello stesso tempo occorre evitare ogni deriva divisiva che potrebbe essere fatale e disperdere un patrimonio che occorre invece recuperare nelle sue parti migliori.
Il PD non può tradire la sua missione di riforma democratica. Viceversa, dentro il vuoto di partecipazione si finisce per essere complici della degenerazione populista e sovranista. Nuovi modelli di comunicazione di massa incitano al rancore e alla passività che spoglia i cittadini del loro diritto alla partecipazione. E d’altra parte il potere che deriva dalla funzione di governo rischia di definirsi come una rappresentanza di “casta” separata dalla società. In Calabria come in Italia e forse ancor di più, una parte di nostro elettorato ha espresso un dissenso radicale spostando la propria scelta verso chi alimentava l’ansia del malessere sociale e verso chi prometteva l’impossibile.
Dentro questa morsa il PD ha pagato il prezzo più alto per le malefatte del passato del centro destra a livello nazionale e regionale. E le scelte pur pregevoli compiute sia a livello nazionale e regionale sono state relegate sul piano delle promesse. Più allettanti sono apparse le narrazioni sui redditi minimi garantiti, detassazioni e via dicendo. Ora, dopo il voto, occorre aprire una riflessione franca, ordinata e libera, adeguata alla portata di quanto è accaduto. E’ il tempo della responsabilità e della rielaborazione di una linea politica e di gruppi dirigenti a tutti i livelli che sappiano incarnare un protagonismo nuovo e raccogliere le tante energie, a partire dalle giovani generazioni, che sappiano reinvestire il patrimonio riformista accumulato, rinnovando quella visione strategica che non si ferma ad affrontare le varie emergenze con vecchi strumenti che non funzionano più.
Tra i diritti fondamentali c’è quello del lavoro e noi, nonostante gli sforzi compiuti, ancora non siamo stati in grado di dare risposta a quel 60% di giovani disoccupati e occupati precari. In mancanza di politiche attive sul lavoro e di radicamento sociale del partito la deriva verso la sola protesta è inevitabile. Questo è uno dei campi di impegno del PD e di altre soggettività sociali, nei quali i cambiamenti di sistema che stimolano la partecipazione matura e consapevole, non appartengono alla sfera della retorica intellettuale ma strumenti fondamentali per costruire la democrazia compiuta. La frontiera della politica se non vuol declinarsi in un nuovo clientelismo deve sapersi misurare con la crescita e lo sviluppo.
Anche dai commenti di queste ore nasce questa esigenza: chi ha vinto le elezioni dopo aver vituperato gli avversari dice di voler parlare con tutti per coprire le proprie incapacità col rischio di compromettere i principi fondamentali della democrazia. Lo spazio politico per il Partito Democratico nonostante la sonora batosta è tutto quanto aperto.
Non bisogna chiudersi nel “pollaio” delle polemiche sterili e cambiare in meglio. In Calabria i prossimi giorni saranno decisivi ed io auspico che la sinistra democratica sappia affrontare con serenità i propri errori non per distribuire le colpe ma per cambiare veramente.
Su queste riflessioni affronteremo la fase congressuale dove saranno assunte le decisioni che riguardano il progetto politico e identitario, l’assetto dei gruppi dirigenti e le scelte da fare per le prossime scadenze elettorali.
Ringrazio i Cittadini e gli Elettori e chi ci ha sostenuto in questa difficile campagna elettorale; i Gruppi dirigenti, i Segretari di circolo, i Rappresentanti istituzionali, i Sindaci e gli Amministratori locali che hanno lavorato generosamente e con grande senso di appartenenza; un grazie, soprattutto, ai Candidati, persone competenti, capaci e di alto valore umano e professionale.
07-03-2018 09:24

NOTIZIE CORRELATE


20-02-2020 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. "Un'altra famiglia con minori subisce lo sfratto per morosità incolpevole"

La nota dell'Osservatorio sul disagio abitativo
20-02-2020 - POLITICA

Calabria. Ufficiale: l'astrofisica Sandra Savaglio è il nuovo assessore della Giunta Santelli VIDEO

A lei la delega all'Università, ricerca e istruzione
19-02-2020 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. La telespettatrice segnala: "Parco Pentimele, uno squallore totale"

"Mi sento nauseata, delusa, sconfortata"
19-02-2020 - ATTUALITA'

Studenti del Volta e del Gulli "a scuola dalla Guardia Costiera"

Con la preziosa collaborazione della Lega Navale Sezione di Reggio Calabria

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Tirocinanti Miur-Mibact: "Quali prospettive per il nostro futuro?"

Siamo padri e madri di famiglia, giovani e meno giovani che prestano servizio presso due distinti comparti ministeriali cioè Miur e Mibact a seguito di manifestazione d'interesse del 2016 e di cui la regione Calabria ...
ATTUALITA'

Strada di Polsi. Klaus Davi: "Aspettiamo la nomina dell'Assessore alle Infrastrutture"

«Ieri al Ministero dei Trasporti sono stati estremamente disponibili, chiari e limpidi, e per questo ringrazio il sottosegretario Salvatore Margiotta e il suo efficientissimo staff. ...
ATTUALITA'

Viadotto ferroviario OGR di Saline Joniche. Interviene il Sindaco del Comune di Montebello Jonico sugli interventi in corso

Con riferimento alle segnalazioni dell’ANCADIC riguardanti lo stato di degrado e di potenziale pericolo in ...
SPETTACOLO

Al teatro Grandinetti di Lamezia Terme arriva il cabaret del Festival 'Facce da bronzi'

All’interno della rassegna “Vacatiandu” arriva l’ultima selezione del rinomato festival della comicità nazionale “Facce da Bronzi” giunto ...
ATTUALITA'

Bianco presente alla BIT di Milano. Damiano Bonfà promuove la Locride

In una Regione Calabria, da sempre depressa e sottosviluppata, ogni iniziativa imprenditoriale, anche piccola, costituisce un fatto da incoraggiare e sostenere come ad esempio l’Agriturismo “Donna ...
CRONACA

Reggio Calabria. È morto uno dei due giovani coinvolti nell'incidente a San Leo di Pellaro

Reggio Calabria. Non ce l'ha fatta il giovane 24enne reggino Carlo Alberto Restuccia, vittima di un incidente nella notte fra il 16 ed il 17 febbraio all'altezza di San ...
CRONACA

Revocato il sequestro preventivo del Centro Sportivo Sant'Agata

Reggio Calabria. È stata accolta l’istanza che ha disposto, ai sensi dell’art. 321 co. 3 c.p.p. la revoca del sequestro preventivo di diverse parti della struttura sportiva “Sant’ Agata” di Reggio ...
ATTUALITA'

Soddisfazione di Klaus Davi e dei Sindaci della Locride per l'incontro al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Roma. Si è tenuto questa mattina nella sede del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un incontro tra ...
ATTUALITA'

"Gesto di grande responsabilità aver informato i consorziati sulle cartelle del Consorzio ex Caulonia"

“L’aver informato i consorziati del Consorzio Alto Jonio Reggino (ex Caulonia) della presenza di alcuni errori nelle cartelle riferite al ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. Patrimonio comunale, scuole e la bonifica dell'ex Polveriera: i provvedimenti di Giunta comunale

Reggio Calabria. Si è tenuta nei giorni scorsi la consueta riunione di Giunta settimanale presieduta dal sindaco Giuseppe ...
POLITICA

Regione Calabria. A sorpresa, il capitano "Ultimo" sarà l'Assessore all'Ambiente della Giunta Santelli VIDEO

Roma. Sergio De Caprio, alias Capitano ultimo, l'ufficiale dei carabinieri che ha arrestato Toto' Riina, è il primo assessore della nuova giunta regionale della Calabria guidata dalla governatrice Jole Santelli. La comunicazione oggi a Roma nel corso di una conferenza stampa alla Camera dei deputati, alla presenza dello stesso Sergio De Caprio. Ultimo è stato a capo dell'unità "CrimOr" oltre che vicecomandante del Comando carabinieri per la Tutela dell'ambiente. (DIRE) Il tema dell’ambiente nella nostra regione è ricco di luci formidabili quanto di ombre oscure”, ha dichiarato Jole Santelli, “Nelle città siamo in piena crisi rifiuti, c'è un enorme problema di depurazione e delle bonifiche, pensiamo all'Eni a Crotone. Ma allo stesso tempo siamo l'unica regione con tre parchi nazionali, con un enorme patrimonio ambientale che deve essere tutelato e valorizzato. Dobbiamo quindi fare in modo che i problemi diventino opportunità”. Ecco perché la scelta di Sergio De Caprio: “la nostra è una terra in cui il tema dell’ambiente è associato a situazioni difficili di sicurezza e l’assessore non poteva che essere una persona che ama l’ambiente e che col suo impegno di oltre 15 anni nel Nucleo Operativo Ecologico rappresenta una garanzia. Come Calabria siamo orgogliosi che il Colonnello De Caprio abbia accettato questo incarico e siamo certi che faremo un grandissimo lavoro per la nostra regione”. Sergio De Caprio è calabrese in quanto cittadino onorario della Città di Orsomarso. "Ringrazio il presidente Santelli per avermi dato l’opportunità di servire il popolo calabrese. Lo farò con tutta la forza e l’amore che ho nel cuore, senza secondi fini se non il bene comune”, ha dichiarato il neo assessore all’Ambiente della Regione Calabria. “Sono emozionato - ha concluso de Caprio – perché si tratta di un incarico di grande responsabilità e lo affronteremo come squadra”. Il decreto di nomina entrerà in vigore non appena il Colonnello De Caprio sarà ufficialmente in aspettativa dal suo ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. Riapre il gazebo di Sottozero dopo l'incontro fra Confcommercio e Comune

Reggio Calabria. A seguito dell’incontro di questa mattina tra Confcommercio, l’Azienda e la Dirigente del Settore Attività Produttive del Comune di Reggio ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
EUREKA
Quiz Show
I BASTALDI
ASPETTANDO IL TG
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.25

Touchè

ADNKRONOS ULTIM'ORA


    LINK UTILI
    Seguici su Facebook
    Guardaci su Youtube
    Seguici su Twitter
    Riceviamo e Pubblichiamo
    Segnalazioni, proposte, commenti
    • All’Amministrazione di Reggio Calabria
    • Fogna a cielo aperto
    • spazzatura non raccolta da tempo
    • Copiosa perdita idrica
    • U paisi i Giufa
    • spazzatura non raccolta
    IL
    METEO
    Previsioni meteo per la settimana
    Richiedi la copia di un video
    Compila il form
    ADV
    idomotica
    Basta vittime 106
    Italpress