Discarica Comunia, il Sindaco di Motta replica a Tansi e chiede l'intervento del Prefetto
POLITICA

Giovanni Verduci annuncia che lunedì si recherà in Prefettura

Discarica Comunia, il Sindaco di Motta replica a Tansi e chiede l'intervento del Prefetto

Motta San Giovanni (Reggio Calabria). “Lunedì mi recherò in prefettura affinché un autorevole intervento del Prefetto possa richiamare tutti a comportamenti e dichiarazioni responsabili, imponendo a tutti di trattare il tema della discarica di Comunia con attenzione e spirito critico, ma senza alimentare sospetti o fomentare la comunità con l’unico obiettivo di accaparrarsi spazi utili per la campagna elettorale di fatto già aperta”.
È quanto dichiara il sindaco Giovanni Verduci all’indomani delle dichiarazioni rilasciate dall’ex dirigente della Protezione Civile regionale e candidato a governatore della Regione Calabria, il geologo Carlo Tansi.
“Ringrazio il geologo Tansi – continua il sindaco di Motta San Giovanni- che, anche se solo adesso e casualmente in occasione delle elezioni regionali, si interessa di un sito, quello di Comunia, che negli ultimi anni è stato al centro di numerosi incontri presso gli uffici regionali. Tuttavia, sorprende che pur non abbandonando gli abiti del tecnico e dell’esperto di protezione civile e comunicazione in situazioni di rischio quale lui è, utilizzi frasi ad effetto dirette alla pancia e non alla testa di una comunità, quella mottese, già esasperata e seriamente preoccupata per la possibile riapertura della discarica”.
“Spiace dover deludere l’esperto geologo – aggiunge Verduci – ma l’Amministrazione comunale non deve chiarire la propria posizione perché solo a chi è distratto dalla campagna elettorale può sfuggire che il Comune ha gia deliberato in Consiglio e all’unanimità la contrarietà alla messa in esercizio della discarica, ha già espresso parere formale negativo, ha presentato ricorso al Tar e appello al Consiglio di Stato. Producendo atti formali che testimoniano l’assoluta contrarietà a questo progetto nella parte che va oltre la bonifica e la messa in sicurezza del sito, pur mantenendo sempre la responsabilità del ruolo”.
“Al geologo Tansi – annuncia quindi il primo cittadino – chiederò di spiegare meglio cosa vuol dire quando afferma, da esperto e già responsabile della Protezione Civile calabrese, che la discarica di Comunia “è una bomba ecologica responsabile dell’alta incidenza di tumori che hanno colpito Motta e Lazzaro”. Cosa vuol dire “essere corresponsabili di situazioni drammatiche e dolorose che vivono numerose famiglie”, cosa vuol dire “discarica situata in una zona ad elevato rischio frana”. Lo inviterò a redigere una relazione, a consegnarci eventuali documenti in suo possesso, magari a spiegarci perché, conoscendo questi importanti elementi, non ha replicato alla Regione Calabria in tutte quelle occasioni durante le quali ha dichiarato che a Comunia non ci sono rischi. Perché non ha mai contestato i numerosi esami curati da Arpacal che ha sempre assicurato di aver caratterizzato i rifiuti presenti in discarica escludendo particolari rischi. Perché non ha mai ribattuto all’Autorità di Bacino che in ogni suo documento non censisce l’area di Comunia come “ad elevato rischio frana”.
“Se in passato – conclude quindi il sindaco - il ruolo di responsabile della Protezione Civile non presupponeva un suo intervento, dovendo intervenire solo in caso di emergenza e non di prevenzione, lo imponeva la sua competenza, la sua professionalità, il suo essere esperto della materia, il suo essere bravo comunicatore. Il parlare solo oggi, avendo taciuto in passato, comporta una grave responsabilità al pari di chi adesso si erge a paladino della comunità mentre in passato, quando avrebbe potuto e dovuto, non ha prodotto alcun atto che fosse contrario alla discarica di Comunia, insabbiando l’argomento e spostandolo in avanti nel tempo”.
16-11-2019 10:10

NOTIZIE CORRELATE


22-01-2020 - ATTUALITA'

Anno nuovo, problemi vecchi per le strutture psichiatriche reggine. Proclamato lo stato di agitazione

dal primo gennaio i circa 180 pazienti psichiatrici sono ospitati nelle varie strutture senza alcun tipo di contratto o convenzione
22-01-2020 - ATTUALITA'

Villa San Giovanni. Fondi F.N.A.: Interventi di aiuto e sostegno in favore di famiglie numerose o in difficoltà

a darne notizia è il Vicesindaco e Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Villa San Giovanni Richichi
22-01-2020 - ATTUALITA'

Il Rotary Club Reggio Calabria Nord conferisce la Paul Harris Fellow al Questore Vallone e presenta i nuovi soci

La Paul Harris Fellow è assegnata a persone o istituzioni con particolari meriti
22-01-2020 - ATTUALITA'

Miracolo, a Reggio c'è qualcuno che "cammina sull'acqua" VIDEO

La situazione assurda di Via Mortara San Gregorio

ULTIME NEWS

SPORT

La Virtus Francavilla riapre il campionato: battuta la Reggina. Al Granillo finisce 1-2 per gli ospiti VIDEO

...
CRONACA

Durante l'orario di lavoro facevano spese o giocavano alle slot: 13 misure cautelari per alcuni dipendenti dell'ASP di Reggio Calabria VIDEO

I Finanzieri della Compagnia di Palmi, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Palmi, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale dell’obbligo di presentazione alla P.G., emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del locale Tribunale nei confronti di 13 dipendenti dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, in servizio presso il “polo sanitario” di Taurianova. Il provvedimento eseguito costituisce l’epilogo di una complessa indagine, eseguita dalle Fiamme Gialle palmesi sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Palmi, diretta dal Dott. Ottavio Sferlazza, che ha consentito di individuare plurime e reiterate condotte fraudolente poste in essere da numerosi dipendenti dell’ASP di Reggio Calabria, in servizio presso il citato Polo Sanitario di Taurianova, i quali, pur facendo risultare la regolare presenza in servizio, erano soliti assentarsi dal posto di lavoro in maniera del tutto ingiustificata e con carattere di allarmante sistematicità, per dedicarsi alle più disparate esigenze di carattere personale. Nel corso delle investigazioni, eseguite mediante l’ausilio di attività tecnica di intercettazione, riprese video, mirati servizi di osservazione, pedinamento e controllo e riscontri documentali, è stato rilevato che gli indagati, approfittando, tra l’altro, della mancanza di controllo da parte dei rispettivi Dirigenti, dopo aver timbrato il badge o firmato il foglio di presenza, pur essendo preposti a rendere servizi essenziali per la collettività, anziché dedicarsi alle mansioni demandate, si allontanavano dal luogo di lavoro in maniera sistematica e consuetudinaria, per dedicarsi ad attività private e ludiche di ogni genere, ovvero giocare alle slot-machine, girovagare per le vie cittadine e sostare all’interno dei diversi esercizi commerciali per leggere i quotidiani, recarsi al supermercato per fare la spesa. In taluni casi gli indagati si assentavano inoltre per prendere parte ad eventi religiosi e funerari. Oltre all’assenza ingiustificata e reiterata nel tempo dal posto di lavoro, è stata rilevata anche l’inoperosità quotidiana di buona parte dei dipendenti che, in svariate occasioni, dopo aver timbrato, stazionavano per ore nell’atrio esterno del citato plesso dell’ASP. L’attività d’indagine ha permesso inoltre di riscontrare che gli indagati, non solo non effettuavano le ore di servizio previste, ma addirittura attestavano falsamente l’effettuazione di straordinario, fino ad oltre 30 ore mensili. E’ il caso ad esempio di un indagato che, in orario pomeridiano, era solito giungere in tuta ginnica presso la struttura ASP, ove consegnava il proprio badge ad un collega compiacente che timbrava in sua vece, per poi dedicarsi ad attività sportiva. Un ulteriore caso emerso nel corso delle indagini ha riguardato un indagato che durante la stagione estiva riusciva a farsi certificare, con la compiacenza del medico di base, una condizione di malattia, assentandosi in tal modo dal lavoro ufficialmente per motivi di salute, quando, in realtà, si trovava presso un lido balneare di una nota località ionica del basso reggino a godersi una giornata di relax. Le condotte illecite sono risultate peraltro agevolate da modalità di gestione e certificazione della presenza quotidiana a lavoro presso detta struttura, del tutto inadeguate e connotate da allarmante superficialità. Difatti, dalla disamina della copiosa documentazione acquisita presso gli Uffici preposti alla liquidazione degli stipendi dei dipendenti nonché dalle dichiarazioni rese in atti dai Responsabili degli uffici in questione, venivano riscontrate gravi inefficienze organizzative e gestionali rispetto alle modalità di controllo e rendicontazione delle presenze del personale impiegato presso la struttura ASP in questione, tali da consentire la possibilità, di adottare all’interno dei singoli Uffici, in maniera arbitraria, variegate modalità di rendicontazione, in alcun modo rispondenti alle Disposizioni previste. In propositoè emerso che in una delle Articolazioni della struttura, non era adottato addirittura alcun sistema di rendicontazione e controllo delle presenze lavorative dei dipendenti. Le odierne misure cautelari hanno riguardato ben 13 dipendenti della citata struttura dell’ASP. Nel corso dell’operazione sono state altresì notificate n. 38 informazioni di garanzia, che hanno riguardato i destinatari del suddetto provvedimento, nonché ulteriori 25 indagati. Il servizio concluso testimonia il costante impegno dell’Autorità Giudiziaria e della Guardia di Finanza, nel contrasto al fenomeno dell’assenteismo e alle condotte che, incidendo negativamente sul buon andamento della Pubblica Amministrazione, si pongono in contrasto con i valori, normativi ed etici, naturalmente insiti nel lavoro prestato alle dipendenze della Pubblica Amministrazione, che assumono particolare rilevanza, anche in considerazione del detrimento che tali attività illecite ...
CRONACA

Polistena. Rocambolesco tentativo di fuga durante un controllo: 22enne sperona l'auto della Polizia e colpisce gli agenti

Le attività poste in essere dalla Polizia di Stato per garantire la sicurezza della collettività si ...
CRONACA

Reggio Calabria. "Targa System" in azione: automobilisti sanzionati per un totale di 6 mila euro

Reggio Calabria. Il servizio di polizia stradale ha organizzato un controllo straordinario del territorio che ha consentito di elevare oltre trenta verbali su ...
CRONACA

Reggio Calabria. Offende sui social il Corpo della Polizia Municipale: denunciato per diffamazione aggravata

Reggio Calabria. Nell'ambito di diverse attività avviate dalla polizia locale nei servizi di specifica competenza, negli ultimi due ...
CRONACA

Pellaro. La Polizia Locale chiude un negozio gestito da cittadini cinesi sprovvisto di autorizzazione

Reggio Calabria. Nell'ambito di un servizio effettuato nella giornata odierna, la Polizia locale ha scovato nel quartiere Pellaro una media struttura di ...
ATTUALITA'

Ennesima giovane vita bruciata sulla S.S.106: "Alessandro non rimane nella morte, ma vive per sempre in Dio"

L'omelia del Vescovo di Locri-Gerace Mons. Oliva per le esequie di Alessandro Luppino: Cari fratelli e sorelle, carissimi genitori di ...
ATTUALITA'

Canile di Mortara. Il grido d'aiuto di volontari e veterinari: "Siamo al collasso, adesso non ce la facciamo più" VIDEO

...
ATTUALITA'

Sorical. L'assemblea dei soci approva i bilanci relativi agli anni 2017 e 2018

L’Assemblea dei soci di Sorical ha approvato i bilanci 2017 e 2018 della società regionale che gestisce gli acquedotti regionali. L’approvazione è avvenuta a seguito della ...
ATTUALITA'

"Gallico-Gambarie". Proseguono i lavori del tavolo tecnico permanente

Proseguono i lavori del tavolo tecnico permanente sullo stato di avanzamento dei lavori della “Gallico-Gambarie” concordato con i sindaci di Sant’Alessio, Santo Stefano in Aspromonte, Calanna e ...
ATTUALITA'

Caso del piccolo Matteo: Marziale chiede un incontro urgente al Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese

“In relazione a Matteo, il bimbo autistico di Reggio Calabria che nonostante le leggi e un'ordinanza del Tribunale di Reggio Calabria non sta ...
ATTUALITA'

Revocata l'ordinanza di divieto di utilizzo dell'acqua nelle zone di Arcoleo, Candico, S. Nicola, C/da Avvelenata e Immacolata di Rosario Valanidi

Il Comune informa la cittadinanza della revoca delle ordinanze n. ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
RTV NEWS EDIZIONE SERALE
BORGOITALIA
STRETTAMENTE PERSONALE
Stracult Edition
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

FuoriGioco
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
  • spazzatura non raccolta da tempo
  • Copiosa perdita idrica
  • U paisi i Giufa
  • spazzatura non raccolta
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress
Basta vittime 106