Elezioni, Santo Biondo (UIL): poca attenzione per PNRR e Calabria

Autore Redazione Rtv | ven, 23 set 2022 08:52 | 48 viste | Elezioni Politiche Uil Calabria Santo Biondo Pnrr Calabria
"Il 2023 non dovr
Nel giorno della chiusura della Campagna Elettorale per le Politiche 2022, arriva la nota di Santo Biondo, segretario regionale UIL Calabria, relativo alla poca attenzione riservata al PNRR e alla Calabria.

"In questa campagna elettorale - esordisce Biondo - manca dalla politica la giusta attenzione verso il Piano nazionale di ripresa e resilienza e le sue ricadute sul Mezzogiorno e, in particolare, sulla Calabria.
Dobbiamo annotare, per l’ennesima volta, che il Sud viene considerato dalla politica un luogo da frequentare solo in occasioni elettorali, che abbondano di slogan ad effetto ma mancano di soluzioni concrete ai problemi reali del Mezzogiorno. Se rifiutiamo l’idea che manchi nella politica la giusta competenza per affrontare i problemi reali del Sud, dobbiamo accreditare il dubbio che ci sia malafede.
Rispetto al Pnrr, che dovrebbe incidere su ripresa economia regionale già dal prossimo anno, non si affronta una discussione seria, mentre purtroppo è ritornato prepotentemente nel dibattito politico elettorale il tema pericoloso dell’autonomia differenziata.
Noi siamo convinti che - si legge nella nota - per mettere a terra gli investimenti previsti dal Pnrr, per trasformare gli stessi in opere concrete e funzionali alla crescita economica, sociale e culturale del Mezzogiorno, sia necessario apportare delle modifiche mirate alle procedure attuative dello stesso.
Queste modifiche dovranno intervenire in particolare in due ambiti: sugli interventi che vedono come soggetti attuatori i Comuni beneficiari di risorse attribuite dall’amministrazione centrale su base competitiva e, poi, gli interventi di incentivazione a favore delle imprese.
Intanto, dobbiamo dire che alcune procedure non prevedono nessuna clausola di protezione per quelle risorse che non vengono assegnate al Sud e alla Calabria, per mancanza di domande da parte dei Comuni ritenute ammissibili dai bandi.
Conoscendo le difficoltà amministrative degli enti territoriali calabresi - prosegue il segretario UIL Calabria-, se non verranno apportare delle modifiche ai meccanismi allocativi delle risorse e non ci saranno interventi per rafforzare la macchina pubblica nei territori, il rischio di perdere le provvidenze previste dal Pnrr è molto alto.
Soprattutto per gli interventi che rientrano nell’area dei diritti di cittadinanza, la possibile mancanza di adesione ai bandi da parte dei Comuni è inaccettabile e, pertanto, richiederebbe l’intervento dello Stato.
Per quanto riguarda l’ambito dedicato agli incentivi alle imprese, ancora, vi è il rischio concreto che questa parte di risorse sia assorbita, principalmente, dai territori nei quali il tessuto produttivo è più forte e dinamico.
Per tali ragioni, nelle aree più debili del Paese, come la Calabria - si legge ancora -, dal punto di vista degli insediamenti produttivi sarebbe necessaria una strategia organica, una politica industriale da parte del Governo per attrarre gli investimenti privati, che faccia leva sul progetto Zes, sul porto di Gioia Tauro, sull’area industriale che lo circonda.
Se questi correttivi non dovessero essere applicati, purtroppo, non potrà mai essere chiaro definire dove andranno a finire queste risorse, se si disperderanno in centinaia di rivoli o, come nelle nostre speranze, verranno utilizzare per cambiare la narrazione del Sud e, soprattutto, della Calabria.
Il 2023 non dovrà essere l’anno della disfatta per il Mezzogiorno, ma quello della sua definitiva rinascita. Per questo - conclude Santo Biondo -, invitiamo la politica ad esercitare un’azione forte nei confronti dell’attuale Governo e di quello che uscirà dalle urne del prossimo 25 settembre finalizzata a correggere lo stato di fatto del Piano nazionale di ripresa e resilienza".
 

Aggiornamenti e notizie