Bando Asp di Reggio per l'assistenza domiciliare, la preoccupazione della Legacoop Calabria
SANITA'

Profonda preoccupazione rispetto alla scelta dell'ASP di Reggio Calabria di procedere con un bando finalizzato al reperimento di liberi professionisti

Bando Asp di Reggio per l'assistenza domiciliare, la preoccupazione Legacoop Calabria

Reggio Calabria. Come Associazioni di rappresentanza ed Organizzazioni datoriali, in firma al presente comunicato, intendiamo esprimere profonda preoccupazione rispetto alla scelta dell’ASP di Reggio Calabria di procedere con un bando finalizzato al reperimento di liberi professionisti per operare nell’Assistenza domiciliare integrata presso il territorio della Provincia di Reggio Calabria.
Occorre infatti considerare come sino ad oggi sia stato il mondo del Terzo Settore, attraverso le sue associazioni e cooperative sociali, a fornire tale servizio per conto dell’ASP su tutto il territorio provinciale.
Un servizio reso attraverso accordi e forme convenzionali che anticipavano, a nostro avviso meritoriamente, quanto successivamente avrebbe stabilito la Regione Calabria per tutto il territorio regionale introducendo con il DCA 144/2018 il regime di accreditamento per tutti i soggetti che intendono fornire servizio ADI. Un provvedimento che in realtà mancava considerando che il Terzo Settore da anni gestisce servizi verso i cittadini più deboli e fragili attraverso strutture accreditate diurne e residenziali per persone con disabilità, tossicodipendenti, anziani e pazienti psichiatrici. Mancava effettivamente la norma di riferimento per i servizi domiciliari, carenza alla quale finalmente nel 2018 ha fatto fronte la struttura commissariale regionale attraverso il Decreto 144 già citato.
Ciò ha reso possibile, nell’ASP di Reggio Calabria, l’autorizzazione al funzionamento per le realtà che già operavano e che oggi sono in attesa del provvedimento definitivo di accreditamento.
E’ quindi ovvia la preoccupazione del terzo settore reggino considerando che il bando pubblicato ad agosto rischia di lasciare fuori, a beneficio di singoli professionisti, proprio quelle realtà collettive che in questi anni hanno fatto fronte ai bisogni dei pazienti, superando enormi difficoltà burocratiche e sopportando ritardi enormi nei pagamenti, spesso superiori ai 12 mesi.
Peraltro è bene precisare che sarebbe stato possibile, considerando anche l’attuale emergenza sanitaria, che ha visto sempre in prima linea nell’assistenza domiciliare le nostre organizzazioni, anche nel momento più duro del lockdown generale, affidare il servizio ADI ai soggetti formalmente autorizzati al funzionamento al fine di garantire la risposta ai bisogni emergenti dei pazienti.
Ora invece si rischia di disperdere l’esperienza pluriennale di tante organizzazioni che hanno investito in professionalità e strumenti tecnologici, mettendo in ginocchio realtà che da sempre operano senza fini di lucro in un campo, quello della domiciliarità, estremamente delicato.
Ed a risentirne maggiormente saranno proprio i singoli pazienti, gravi e gravissimi, già oggi privi di servizio e che continuano a chiamare le nostre organizzazioni per lamentare l'assenza del terapista o dell'infermiere, a cui "avrebbero" diritto.
Sino ad oggi infatti i soggetti del Terzo Settore che hanno gestito l’ADI garantivano il servizio sia in termini di puntualità che di qualità, accompagnando e sostenendo i propri operatori attraverso formazione e aggiornamento professionale. Chi garantirà il livello adeguato di prestazioni domiciliari quando ad operare saranno liberi professionisti singoli senza una struttura organizzativa alle spalle che li possa sostenere ed accompagnare e che possa valutare e rispondere al meglio ai bisogni dell’utenza? Una garanzia di qualità e di attenzione che il Terzo Settore può fornire proprio perché non ha fini di lucro, ma opera per la realizzazione di interessi generali.
E’ proprio per tale motivo che la normativa attuale, ed in particolare l’art.55 del D.Lgs.117/2017, prevedono che il rapporto tra Pubblica Amministrazione e soggetti del Terzo Settore sia improntato ad una fattiva collaborazione attraverso strumenti quali la co-programmazione, la co-progettazione e l’accreditamento. Concetti ripresi da una recentissima sentenza della Corte Costituzionale, la 131/2020, che ha rammentato come tale collaborazione orizzontale sia motivata dal fatto che pubblica amministrazione e Terzo Settore perseguono entrambi i medesimi obiettivi di interesse generale.
Alla luce di quanto sopra chiediamo pertanto che l’ASP riveda le proprie posizioni e proceda con l’affidamento del servizio alle organizzazioni autorizzate al funzionamento e che garantiscono i requisiti necessari per la qualità e la regolarità delle cure.
Ciò al fine di garantire la continuità del servizio, un’adeguata risposta ai bisogni su tutto il territorio provinciale, la corretta libertà di scelta da parte del paziente tra i diversi soggetti erogatori, e non ultima la regolarità normativa che, a nostro avviso, con un bando aperto a singoli professionisti, verrebbe violata.
Su tutto questo, e proprio nel presupposto della leale collaborazione con la pubblica amministrazione, confermiamo la nostra piena disponibilità ad un confronto immeditato con i vertici dell’ASP che possa risolvere in modo soddisfacente per tutti i soggetti interessati, ed in particolare per i pazienti, la questione dell’assistenza domiciliare.
Infatti non vediamo alcun valido motivo per l’ASP di privarsi dell’apporto degli Enti del terzo settore che rappresentano da sempre la parte propositiva, della società civile e che nel tempo hanno mantenuto sempre attivo il servizio tra mille difficoltà, reggendo un sistema che, appena privato del loro apporto, è crollato a discapito di migliaia di pazienti fragili.
Attendiamo quindi fiduciosi una convocazione urgente da parte dell’ASP, che ha già dimostrato nel recente passato grande disponibilità e sensibilità attraverso i suoi dirigenti, alla quale saremo ben lieti di rispondere con spirito di servizio e piena collaborazione nell’interesse collettivo.
Sarebbe infatti una sconfitta per tutti dover adire la vie legali per riportare i servizi in un alveo adeguato di legalità e giustizia, ma saremo costretti a farlo se non riceveremo riscontro alla nostra piena disponibilità a collaborare, da parte dei vertici dell’ASP.



Gianni Pensabene
ForumTerzo Settore Calabria
Lorenzo Sibio
Legacoop Sociali
Giuseppe Peri
Federsolidarietàp





































28-09-2020 14:39

NOTIZIE CORRELATE


29-10-2020 - ATTUALITA'

Comitato Difesa Consumatori. "Eventuale patrimoniale, al tempo del coronavirus come funzionerà?"

Intervento del presidente Pietro Vitelli
29-10-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus: Francia in lockdown da domani, stretta in Germania

Chiusure previste anche in Spagna
29-10-2020 - ECONOMIA

Coprifuoco. Domani esercenti in piazza a Reggio Calabria: "Fermiamo il virus non l'economia"

Manifestazione organizzata da Confesercenti, ImprendiSud e Apar
28-10-2020 - ATTUALITA'

Klaus Davi approda a Platì: sarà ambasciatore della Locride a titolo gratuito

Il massmediologo è stato consigliere comunale nel comune di San Luca
28-10-2020 - ATTUALITA'

Emergenza coronavirus. Santo Biondo: "E' necessario fare uno sforzo poderoso di investimento sul diritto allo studio"

La petizione 'Garantire in Calabria il Diritto Costituzionale all'Istruzione per Tutti gli Allievi' è da sostenere

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Coronavirus. Reggio Calabria, la situazione dell'unità di terapia intensiva al Gom VIDEO

Reggio Calabria. Il dirigente ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Morto 86enne in Calabria, era in isolamento domiciliare

Cosenza. Un uomo di 86 anni, positivo alla Sars -Cov2, è deceduto a Scalea. A confermare la notizia è il sindaco della cittadina tirrenica del Cosentino, Giacomo Perrotta. L'anziano si trovava nella ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Nuovo decesso in Calabria: una donna di 75 anni

Frascineto (CS). Un nuovo decesso in Calabria causa del Covid 19. Si tratta di una donna di 75 anni di Frascineto ricoverata nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale dell'Annunziata di Cosenza. La donna era risultata ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Casi in aumento a Reggio Calabria, nuovo intervento del Prefetto

Reggio Calabria. Il Prefetto Massimo Mariani, alla luce dell’analisi dei dati concernenti l’andamento dei contagi nel territorio provinciale e degli esiti di recenti riunioni con i ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Reggio Calabria, il Gom comunica: un morto e 14 nuovi positivi

Reggio Calabria. La Direzione Aziendale del G.O.M. “Bianchi Melacrino Morelli” comunica che nella giornata di oggi si è registrato il decesso di un paziente ricoverato nella U.O.C. di ...
ATTUALITA'

Coronavirus. La situazione in Calabria

Continua la crescita, anche se oggi più contenuta, dei nuovi contagi da Covid-19 in Calabria. Nelle ultime 24 ore sono state riscontrate 196 positività (ieri erano 234) a fronte di 2.655 persone testate con 3.267 tamponi fatti. In crescita anche i ricoverati: in ...
ATTUALITA'

Proteste di piazza contro Dpcm. Viminale, per gli scontri nessuna regia unica

Roma. Gli scontri di piazza di questi giorni contro il Dpcm adottato dal governo non hanno una regia unica, ma sono comunque riconducibili ad antagonisti di destra e di sinistra, ultras e elementi legati ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. Due anni fa veniva messa in esercizio la Diga del Menta: "il più interessante progetto di Sorical"

Reggio Calabria. Due anni fa, esattamente il 28 ottobre del 2018 è stata completata e messa in esercizio la diga del ...
POLITICA

Castorina: "Città Metropolitana avvia percorso per entrare in Atam"

Reggio Calabria. Si è riunito in sessione straordinaria presieduto dal Sindaco Giuseppe Falcomatà ed alla presenza di tutti i Dirigenti dell’ente il Consiglio Metropolitano di Reggio Calabria. Tra le ...
CRONACA

Bianco. Scoperto centro scommesse clandestino: due denunce

I Carabinieri della Compagnia di Bianco hanno controllato, insieme a personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, alcuni centri scommesse. Uno di questi, a Bianco (Rc), non era in possesso delle autorizzazioni previste. ...
CRONACA

'Ndrangheta. Il neo pentito De Carlo sentito per prima volta in aula

Reggio Calabria. Per la prima volta è stato sentito in un'aula di Tribunale Maurizio De Carlo, il nuovo pentito della cosca De Stefano. Stamattina il collaboratore di giustizia, fino a pochi mesi fa fedelissimo ...
CRONACA

Melito Porto Salvo. Scambio di droga vicino la caserma dei Carabinieri: arrestati due giovani

I Carabinieri della Stazione di Palizzi Marina e Melito Porto Salvo hanno arrestato A.P. e F.Z., di 24 e 29 anni, trovati in possesso, complessivamente, di oltre due chili ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
PIANETA DILETTANTI
SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti
I BASTALDI
Unirc 2020
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Aeroplani di Carta

Ore 22.30

Sport Heroes
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • disservizio idrico
  • L’invidia radice di ogni male
  • L’ascensore del G. O. M.
  • Limite di velocita’
  • Mancanza di acqua
  • Spazzatura a Santa Caterina
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress