Aifa, sì al mix di vaccini per under-60. Ma è caos regioni
SANITA'

Linea governo non cambia. Ipotesi evento ad hoc per rassicurare

Aifa, sì al mix di vaccini per under-60. Ma è caos regioni

L'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) approva la vaccinazione mista per gli under 60 che abbiano ricevuto una prima dose di AstraZeneca, ma le Regioni continuano ad andare in ordine sparso. Chi si adegua alle indicazioni e chi continua a dire no al mix di vaccini; chi sospende i richiami con i farmaci a mRna al posto di Astrazeneca finché non avrà garanzie su ulteriori forniture e chi lascia la possibilità di scegliere se avere o meno la seconda dose con il farmaco anglo-svedese anche se si hanno meno di 60 anni.



Insomma, i territori continuano a non avere una linea comune anche dopo l'ordinanza del ministero della Salute che ha dato indicazioni perentorie - ribadite anche ieri dal ministro Roberto Speranza - sull'utilizzo di Astrazeneca e aprono un nuovo fronte: con i vaccini a vettore virale ormai marginali servono più dosi di Pfizer e Moderna per non rallentare la campagna e raggiungere l'immunità di gregge a settembre.



Il risultato è il caos, che si va ad aggiungere alla confusione e alla perdita di fiducia da parte dei cittadini provocata dall'apertura al mix sui vaccini - sul quale le posizioni degli esperti sono tutt'altro che granitiche - e dall'ennesimo cambio di rotta, il quarto dall'inizio dell'anno, su Astrazeneca imposto dagli esperti alla luce delle nuove evidenze scientifiche e del miglioramento della situazione epidemiologica.



Una confusione confermata nella nota con cui l'Ema, parlando di "disinformazione" e ribadendo che il vaccino di Astrazeneca "resta autorizzato per tutta la popolazione", cerca di mettere una pezza ad un'intervista, poi smentita, del capo della task force sui vaccini della stessa Agenzia, Marco Cavaleri. Anche per questo il governo ribadisce che la linea non cambia e, anzi, il premier starebbe pensando ad un ulteriore messaggio di chiarezza e rassicurazione da dare agli italiani. Tra le ipotesi, quella di un evento ad hoc per mettere in chiaro alcuni punti ed evitare che la campagna rallenti. "Le nostre indicazioni - dice Speranza - sono perentorie e devono essere seguite. Non è un dibattito politico, non è un presidente del consiglio, un ministro o un presidente di regione che decide: la comunità scientifica internazionale ha dato indicazioni su Astrazeneca che sono cambiate sulla base delle evidenze scientifiche e noi dobbiamo seguirle".



Con un parere pubblicato in serata una parola definitiva sul mix di vaccini arriva, come detto, dall'Aifa, che approva la vaccinazione mista per gli under 60 che abbiano ricevuto una prima dose di vaxzevria, il siero di AstraZeneca. "Sulla base di studi clinici pubblicati nelle ultime settimane, la Commissione tecnico scientifica dell'Aifa - si legge - ha ritenuto, a fronte di un rilevante potenziamento della risposta anticorpale e un buon profilo di reattogenicità, di approvare il mix vaccinale (prima dose con Vaxzevria e seconda dose con Comirnaty o, per analogia, con il vaccino Moderna)". E' in corso di pubblicazione in Gazzetta la determina attuativa. Al momento le Regioni continuano però a non avere una linea comune. Nei prossimi giorni si riunirà la commissione Salute e giovedì ci sarà la conferenza delle regioni: il tema non è all'ordine del giorno ma non è escluso che se ne parli per arrivare ad una posizione unica. Per ora dunque ognuno va per la sua strada. Vincenzo De Luca ha annunciato di aver inviato a Speranza una "nota tecnica" contenente i dubbi sulla vaccinazione eterologa ribandendo il no della sua regione: il mix di vaccini, dice, "non ha avuto sul piano internazionale una sperimentazione ampia".



Anche la Puglia va per conto suo. La regione, sostiene Michele Emiliano, seguirà le indicazioni del governo e però, "chi volesse fare la seconda dose con Astrazeneca avrà questa possibilità, fermo restando che l'atto della vaccinazione è l'atto del singolo medico che valuterà caso per caso". La Lombardia continua invece a tergiversare da 3 giorni. Prima ha detto no al mix salvo poi fare marcia indietro, ma i richiami non sono ancora partiti. Il perché lo spiega il presidente Attilio Fontana: servono più dosi di di Pfizer e Moderna.



"Appena sapremo cosa ci risponde il governo, sia sulla fornitura di eventuali dosi aggiuntive sia sulla conferma delle modalità, noi potremo stabilire una data". E più dosi dei due farmaci a mRna le chiedono anche quelle regioni che hanno annunciato si atterranno alle indicazioni governative: l'Emilia Romagna, che deve fare i richiami a 40mila persone e per questo "servono più scorte", e il Lazio, che non lo dice esplicitamente ma riporta il richiamo di Pfizer e Moderna da 35 a 21 giorni. E gli altri che fanno? La Liguria si è adeguata, anche se il governatore Giovanni Toti non perde l'occasione per ribadire che anche quando si è utilizzato Astrazeneca sotto i 60 anni ci si è attenuti alle indicazioni del Cts. E si sono allineati la Toscana, il Piemonte - dove la buona notizia è che in un'ora sono andate sold out tutte le prenotazioni per gli open day riservati ai giovani da venerdì a domenica, segno che la voglia di normalità tra i ventenni prevale sulle paure - il Veneto. Dice Luca Zaia: "applicheremo pedissequamente quello che viene prescritto". Ma il governatore va oltre e già individua quello che sarà il nuovo fronte d'autunno, la terza dose: il green pass dura 9 mesi e, considerando che i primi richiami sono stati fatti il 19 gennaio, a metà ottobre scadranno. Che si farà allora?. "Se non sarà una terza dose sarà un nuovo vaccino - dice - ma ritengo sia impensabile che non ci sia un nuovo richiamo, poi magari mi sbaglierò".


Redazione Web
15-06-2021 08:44

NOTIZIE CORRELATE


29-07-2021 - SANITA'

Gimbe, in 7 giorni il dato dei morti cresce del 46%, è la quarta ondata

'Sono 3 milioni gli studenti tra 12 e 19 anni da vaccinare'
28-07-2021 - CULTURA

Green pass, i presidi chiedono l'obbligo di vaccino per gli studenti

Tensione nella maggioranza, Toti chiede l'obbligo di vaccino per i docenti, Salvini: 'Non scherziamo'

ULTIME NEWS

POLITICA

Primo addio nel 'nuovo' M5S, lascia la senatrice Botto

Primo addio nel M5S dell'era Conte. A lasciare, a Palazzo Madama è la senatrice ligure Elena Botto, che passa al Misto. "Questo è un post difficile, un post di addio. Me ne vado dal Movimento 5 Stelle che, ormai da troppo ...
POLITICA

Giustizia: il dossier della riforma Cartabia atteso in Cdm

Un passaggio sul dossier della riforma Cartabia, a quanto si apprende da diverse fonti di maggioranza, è atteso nel Consiglio dei ministri che a breve dovrebbe iniziare a Palazzo Chigi. "Stanno cercando di chiudere, stanno cercando ...
SPORT

Italia bronzo nel fioretto a squadre donne

Per l'Italia secondo oro, settimo argento e decimo bronzo, per un totale di 19 presenze sul podio di Tokyo 2020. L'ultimo arriva dal fioretto donne dove l'Italia ha conquistato la medaglia di bronzo nella prova a squadre. Nella finale per il terzo posto ha ...
SANITA'

Vaccini: Gimbe, in Calabria 17,6% over 60 senza nessuna dose

La popolazione over 60 che, in Calabria, non ha ricevuto nessuna dose di vaccino è pari a 17,6% contro una media nazionale dell'11,5%. E' quanto evidenzia il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe relativo alla ...
CRONACA

Oppido Mamertina. I Carabinieri del Nas scoprono una casa di cura abusiva all'interno di una parrocchia VIDEO

I Carabinieri del Nas di Reggio Calabria a seguito di ispezione presso una struttura ricettiva per anziani nel comune di Oppido Mamertina, hanno deferito in stato di libertà un parroco, responsabile di aver aperto una casa di cura senza autorizzazione omettendo, contestualmente, la comunicazione all’autorità di P.S. degli alloggiati all’interno della stessa. L’attività, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, Sostituto Procuratore Dott. Rocco Cosentino, ha permesso di appurare che presso la Parrocchia Santa Maria Assunta del comune aspromontano, il sacerdote aveva allestito una vera e propria casa di cura per anziani non autosufficienti, senza alcuna autorizzazione ed in un immobile con gravi carenze igienico sanitarie, assolutamente non idoneo per l’accoglienza di soggetti con gravi patologie. In particolare, i militari del NAS, supportati dalla Stazione Carabinieri di Castellace e dal personale del dipartimento di prevenzione dell’ASP di Reggio Calabria, hanno accertato la presenza di n. 6 anziani ospiti, di cui due su sedia a rotelle, alloggiati in stanze obsolete con mura impregnate di umidità, distacco di calcinacci e mobili fatiscenti, ponendo a serio rischio la loro stessa incolumità. Inoltre, gli anziani dormivano su letti i cui materassi erano rivestiti da sacchi neri (per i rifiuti) utilizzati al posto delle c.d. “traverse”. L’attività, che rendeva al sacerdote circa euro 6.000 al mese, è stata immediatamente sospesa dal Comune di Oppido Mamertina e gli anziani trasferiti presso strutture ...
CRONACA

Guardia Costiera. I risultati dell'Operazione "No Driftnets" contro la pesca illegale

Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno dei principali obiettivi del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, che ...
POLITICA

Calabria. Elezioni regionali, Luigi de Magistris: "Alleanze solo con chi non fa parte del sistema"

"Da più parti ci chiedono che ci sia di vero di una eventuale nostra convergenza con la forza politica che fa capo all’ex presidente della ...
ATTUALITA'

Protocollo di Intesa inter-istituzionale tra l'Università 'Mediterranea' di Reggio e l'Associazione dei Comuni dell'Area Grecanica

Oggi 28 luglio 2021, nell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, ...
ATTUALITA'

Università Mediterranea di Reggio Calabria, il DICEAM e le sfide del futuro

Scegliere un corso di studi in Ingegneria rappresenta una scelta affascinante, impegnativa ed altamente gratificante. I laureati nelle discipline ingegneristiche possono contare su percentuali di occupazione a ...
SPETTACOLO

Due reggini in lizza per il titolo di Mister Italia 2021

Ci sono anche due ragazzi reggini tra i novanta bellissimi pre-finalisti nazionali del concorso di Mister Italia 2021. Emanuele Donzella, 22 anni di Scilli, 1,92 di altezza, muratore con il sogno nel cassetto di sfondare nel mondo della moda, e ...
ATTUALITA'

Ristrutturazione e messa in sicurezza dell'aeroporto di Reggio Calabria, attivata la procedura di gara

È stata attivata la procedura di gara relativa al primo degli interventi di ristrutturazione e messa in sicurezza dell’aeroporto di Reggio ...
CRONACA

Allacci abusi sulla rete Sorical, distacchi e prime segnalazioni alle autorità

Continua a ritmo serrato la campagna di individuazione di allacci abusivi sugli impianti della Sorical. Su sollecitazione dei sindaci dei Comuni di Gimigliano Tiriolo, Settingiano, Amato e Miglierina ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

PIANETA DILETTANTI
E' TUTTO CINEMA
SU IL SIPARIO!
RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
CALABRIA VERDE
Liquore Tedesco
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Aeroplani di carta
TEDESCO LIQUORI SHOP
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • La citta’ piu’ bella
  • Rifiuti e roghi
  • Vasto incendio al Pantano di Saline Joniche
  • ……Reggio Calabria muore e ne siamo tutti consapevoli quindi responsabili
  • Disservizio I
  • interruzione servizio idrico
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
ISTITUTO DE BLASI
idomotica