Reggina - Catanzaro, Praticò: 'Aspettiamo ancora l'agibilità del Granillo. La misura è colma!'
SPORT

A 48 ore dal primo impegno ufficiale della stagione, manca ancora l'ok

Reggina - Catanzaro, Praticò: 'Aspettiamo ancora l'agibilità del Granillo. La misura è colma!'

REGGIO CALABRIA – La Commissione di vigilanza dei pubblici spettacoli non ha ancora concesso l’agibilità dello stadio "Granillo". Reggina – Catanzaro, gara valevole per la Coppa Italia di serie C, in programma domenica sera, potrebbe pertanto slittare. La delusione del presidente Praticò nel comunicato appena diramato dalla società amaranto:

“Forse è arrivato il momento delle riflessioni che tante volte ho rimandato perché la passione, la speranza, la voglia di donare, il rispetto verso i veri tifosi - che mi hanno portato a continuare il cammino intrapreso - hanno avuto il sopravvento sulla razionalità”.
“La misura è colma! Oggi, l'ennesimo scoglio da superare”.
“La Commissione di vigilanza dei pubblici spettacoli, in base alla normativa vigente, giustamente, non ha ancora concesso la piena agibilità dello stadio comunale "Oreste Granillo", rimandando ad una nuova riunione (l'ennesima in questi anni) alle ore 18.00 di oggi”.
“Dobbiamo prendere atto che a 48 ore dall'inizio del primo impegno ufficiale, un derby molto sentito dalle due tifoserie, già rinviato proprio per motivi legati all’agibilità dello stadio, non si hanno certezze di nulla”.
“Ciò penalizza noi e di conseguenza tutti i nostri tifosi”.
“Pertanto nel caso in cui la Commissione di vigilanza ritenesse, sempre nel rispetto della normativa vigente, di attribuire l'agibilità, solo domani mattina il Gos (gruppo operativo di sicurezza) potrebbe dare l'ok per la disputa della partita. Solo dopo quest'ultima autorizzazione si potranno mettere in vendita i biglietti”.
“Considerato che chi doveva intervenire per gli adeguamenti strutturali presso lo stadio "Granillo" non ha provveduto per tempo, ancora una volta la società viene messa in difficoltà da chi non ha rispetto per gli sforzi immani che si stanno cercando di fare al fine di garantire il calcio professionistico ai tanti veri tifosi reggini ed a tutti quelli della provincia”.
“La burocrazia si è dunque tramutata in un avversario che rischia di far male alla Reggina più delle altre squadre. Sono incalcolabili i danni d'immagine subiti sia dalla Reggina, sia dalla città, a livello nazionale, dinanzi alla Lega Pro, alla Figc e a tutte le realtà sportive del campionato”.
“E sono assai gravi anche i danni economici, considerato che solitamente i biglietti si dovrebbero mettere in vendita all'inizio della settimana; ad oggi la società, per responsabilità non sue, non è in grado di sapere se la partita si disputerà o meno. Purtroppo quella odierna è una delle tante difficoltà in cui si dibatte in questi anni la Società, dove diventa sempre più difficile scalare la montagna”.
“In questi anni, una serie di motivi e fatti che si ripetono e si perpetuano nel tempo non hanno dato quella serenità necessaria affinché questa Società potesse realizzare appieno quanto era ed è nelle sue possibilità. Dobbiamo riconoscere che in questa città, per molteplici motivi, che esulano da quello odierno, è difficile, forse addirittura temerario, fare calcio a certi livelli”.
“Questa Società, ancora una volta, con enormi sacrifici di tutti i tipi, anche quest'anno ha allestito una squadra per disputare il campionato di serie C. In molti lo danno come un atto dovuto o lo considerano scontato. Vi assicuro che non è cosi! Non è cosi perché questa Società preferisce lavorare continuamente a testa bassa anziché lamentarsi, come ci starebbe, chiedendo aiuto a destra e a manca”.
“Senza voler colpevolizzare alcuno, tanto meno Sindaco ed Assessori, la Reggina sta lottando con tutte le sue forze, da sola, per rispetto dei veri tifosi e della Storia, per mantenere intatto il prestigio cittadino; senza che nessuno le dia aiuto, anzi in qualche caso è fortemente penalizzata, a differenza di quanto avviene nelle città di altre realtà professionistiche”.
“Non di meno noi, cari veri tifosi, continueremo a lottare senza indietreggiare finché le forze ci sorreggeranno rispettando il vostro amore, il vostro tifo, con la dignità e l'orgoglio di chi la Reggina ce l'ha nel cuore. Pertanto, speriamo che entro domani ci sia l'autorizzazione per disputare la partita Reggina - Catanzaro affinché domenica prossima, tutti assieme, possiamo incitare i nostri ragazzi al grido di “FORZA REGGINA”.

Il presidente Mimmo Praticò
18-08-2017 18:43

NOTIZIE CORRELATE


20-08-2017 - SPORT

Reggina - Catanzaro, i convocati amaranto. Ci sono anche Mezavilla e Sparacello

Il brasiliano indosserà la maglia numero 29
19-08-2017 - SPORT

Reggina - Catanzaro, al via la prevendita dei biglietti

L'ok è arrivato proprio in extremis, a poche ore dalla sfida di Coppa Italia in programma domenica sera alle 20:30
09-08-2017 - SPORT

Coppa Italia, è ufficiale: Reggina - Catanzaro si giocherà il 20 agosto

La Lega ha accolto la richiesta avanzata dalla stessa società amaranto

ULTIME NEWS

CRONACA

Omicidio Vinci, volevano che i vicini cedessero loro il terreno: al rifiuto, la risposta fu l'autobomba DETTAGLI/FOTO

Limbadi (Vibo Valentia). Un'azione messa in atto per fare cedere la famiglia Vinci-Scarpulla alle loro richieste estorsive: è questo, secondo la Dda di Catanzaro, il movente dell'attentato, messo in atto con una bomba collocata sotto la loro automobile ed azionata con un radiocomando a distanza, in cui il 9 aprile scorso a Limbadi fu ucciso Matteo Vinci, di 42 anni, e gravemente ferito il padre Francesco, di 70. Le motivazioni dell'attentato vengono indicate nel provvedimento col quale la Dda di Catanzaro ha disposto il fermo delle sei persone, appartenenti alla famiglia Mancuso-Di Grillo, eseguito dai carabinieri di Vibo Valentia e del Ros, nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Matteo Vinci ed il ferimento del padre: Domenico Di Grillo, di 71 anni, e la moglie, Rosaria Mancuso, di 63; le figlie Rosina e Lucia Di Grillo, di 37 e 29 anni; Vito Barbara, di 28, marito di Lucia Di Grillo, e Salvatore Mancuso, di 46, fratello di Rosaria Mancuso. Oggetto delle richieste estorsive rivolte dai Mancuso-Di Grillo alla famiglia Vinci sarebbe stata la cessione di un terreno limitrofo ad alcuni fondi di loro proprietà. La resistenza da parte della famiglia Vinci nel non volere cedere il terreno, prolungatasi per anni ed accompagnata da varie minacce ed intimidazioni, sarebbe stata la causa scatenante della reazione da parte della famiglia Mancuso-Di Grillo, con la messa in atto dell'attentato compiuto la sera del 9 aprile. I fermi sono scaturiti dalle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Vibo Valentia e del ROS. Gli indagati, oltre all’azione omicidiaria del 9 aprile, devono rispondere anche del tentativo di omicidio perpetrato ai danni di Francesco Vinci il 30 ottobre 2017 a Limbadi, in cui lo stesso era stato vittima, sotto la minaccia di una pistola, di una feroce aggressione con un forcone e un’ascia. Le indagini, svelando gli interessi criminali dei fermati, hanno consentito agli inquirenti di appurare che i tutti i violenti fatti criminali perpetrati rientravano in un feroce piano estorsivo dei MANCUSO ai danni dei VINCI, in atto dal 2014, finalizzato all’acquisizione della vasta proprietà terriera dei VINCI, confinante con quella dei MANCUSO, determinati all’acquisizione ad ogni costo della proprietà tanto da ricorrere per il raggiungimento dello scopo a qualsiasi mezzo tra cui l’eliminazione fisica di tutti coloro che avessero intralciato il loro disegno criminale. Nel complesso le attività svolte hanno consentito, durante la fase investigativa, di procedere all’arresto per detenzione di armi e munizioni di due degli odierni fermati, Domenico DI GRILLO nell’immediatezza dell’attentato omicidiario del 9 aprile scorso, trovato in possesso di un fucile da caccia con 40 proiettili acclusi, e Rosaria MANCUSO con una pistola ed un fucile automatico con oltre 200 proiettili di vario calibro, armi nella effettiva ...
CRONACA

Omicidio Vinci, quando Salvatore Mancuso disse a Klaus Davi: "la 'ndrangheta non morirà mai" VIDEO

Limbadi (Vibo ...
ATTUALITA'

'Ndrangheta. Autobomba di Limbadi, arrestati i vicini di casa di Matteo Vinci NOMI/FOTO/VIDEO

Limbadi (Vibo Valentia). ...
CRONACA

'Ndrangheta, omicidio Vinci: i Carabinieri eseguono 6 fermi contro esponenti cosca Mancuso VIDEO

Limbadi (Vibo ...
CRONACA

Intimidazione a Grotteria. Croci in portone d'ingresso abitazione noto avvocato penalista

Grotteria (Reggio Calabria). Persone non identificate, a Grotteria, nella Locride, hanno tracciato, usando una bomboletta spray di colore nero, due croci sul portone d'ingresso ...
ATTUALITA'

Oggi sul tema delle dipendenze grava un deficit di considerazione istituzionale

di Guido Leone*. Vi drogate?Siete alcolisti o vittime del gioco o di internet? Magari siete anche giovani o giovanissimi? Problemi vostri, anzi affari vostri, ché nemmeno più le ...
CRONACA

Cadavere in decomposizione trovato sul greto di un fiume

San Pietro in Guarano (Cosenza). Un cadavere in avanzato stato di decomposizione è stato trovato sul greto del fiume Crati nel territorio di San Pietro in Guarano. Le condizioni del corpo, ormai in putrefazione, non hanno consentito al ...
ATTUALITA'

Trame.8. Tizian: "politica sostenga progetto del tribunale dei minori di Reggio"

Lamezia Terme (Catanzaro). Dalla riflessione sul terzo scioglimento del consiglio comunale lametino alle ramificazioni della ‘ndrangheta in Emilia scovate grazie alle inchieste di un gruppo ...
ATTUALITA'

Sanità in Calabria, l'ANISAP: "i tagli di Scura rischiano di affossare gli ambulatori, intervenga la magistratura"

Reggio Calabria. "Aggiotaggio? Ci vuole una commissione di inchiesta. Scura con le sue decisioni ha abbassato drasticamente ...
POLITICA

Accoglienza, l'europarlamentare Ferrara in visita a Riace: "un modello da replicare altrove"

Riace (Reggio Calabria). Nella giornata di ieri, l’eurodeputata del MoVimento 5 stelle, Laura Ferrara ha incontrato il sindaco di Riace, Mimmo Lucano. Una visita nel ...
CRONACA

Imbrattato con delle croci il portone dello studio di un avvocato

Reggio Calabria. Ignoti hanno tracciato, usando una bomboletta spray di colore nero, due croci sul portone d'ingresso dello studio legale dell'avvocato penalista e civilista, Domenico Lupis. A denunciare l'atto ...
CRONACA

Il bilancio della Guardia di Finanza, in 17 mesi scoperti ben 247 evasori

Catanzaro. La scoperta di 247 evasori totali, con una base imponibile complessiva di oltre 1,1 miliardi di euro; l'arresto di 45 persone accusate di corruzione, concussione e peculato, con la denuncia di oltre ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

PIANETA DILETTANTI
EUREKA
Quiz Show
FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
RASSEGNA STAMPA
Mobili Catalano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 22.30

Suonava l'anno
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Degrado di una citta’
  • problema orti
  • Rassicurazioni circa il servizio porta a porta
  • Perdita d’acqua in via sbarre inferiori
  • incivili analfabeti
  • Reggio Calabria impegnata per europa e il lavoro
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
viola
Basta vittime 106
Italpress